skip to Main Content

Spero che questa ti renda felice.

LAURA

Grazie per quello che fate e per il progetto Smack !

Laura Viggiano

Si ringrazia Mariantonia Naddeo per aver donato la treccia.

 

Si ringrazia Coletta Venturato per aver donato la treccia.

 

Salve a tutti, mi chiamo Mariangela e sono una ragazza di 19 anni. Ho ricevuto tanta fortuna nella mia vita: una famiglia che mi ama, l’opportunità enorme di poter frequentare l’università e, soprattutto la salute.

7 anni fa ho deciso di far crescere i miei capelli per poterli donare ad una delle tante persone che, a differenza mia, non sono state così fortunate. Spero con questo mio gesto di far spuntare il sorriso su una delle tante donne che ogni giorno combattono un male ingiusto.
Colgo l’occasione per ringraziare voi, fondatori e soci di questa onlus, che ogni giorno donate sorrisi e anche uno spiraglio di speranza in una società migliore.
Con affetto e stima
Mariangela

Con questo piccolo gesto fatto con il cuore spero di donare un sorriso ad una “guerriera”.

Anna Venturato

Mi chiamo Silvia Cardo, ho 13 anni, sono di Aversa e frequento la IIIª media.

Finalmente, dopo tanti anni ho deciso di tagliare e donare i miei ricci a questa associazione così che possiate aiutare chi ha bisogno di una parrucca. Auguro a questa persona tutto il bene possibile.
Saluti.
Silvia Cardo

Si ringrazia Livia Coppola per aver donato la treccia.

Si ringrazia Paola Piccolo per aver donato la sua treccia.

 

Sono Francesca, ho 34 anni;

mi è stato diagnosticato un cancro al seno, un’esperienza che ti porta a vari cambiamenti, a valori vitali, a sentimenti  e soprattutto a tutto ciò che fa parte dell’AMORE.

Ma Nel momento in cui scopri una nuova realtà, come la vostra Associazione Underforty, che mi ha dato una marcia in più per affrontare un percorso duro e delicato per una donna, vai avanti e lotti con tutte le tue forze.

Ringrazio l’Associazione di vero cuore e so che posso ricevere ancora tanto AMORE

Grazie mille

Sono Riccardo,

Dopo 5 anni di lotta senza tregua, la mia adorata moglie ha dovuto cedere al cancro che abbiamo affrontato e lottato insieme.

Continue terapie non sono riuscite a contrastare un male che vince in partenza e che ha voluto tenere a distanza con dignità fino alla fine.

Almeno l’ho potuta avere in questo periodo la mia Sposa.

Adesso nuova prova di vita con i nostri due figli.

Sono sicuro di interpretare anche un suo desiderio nel donare le parrucche che con dignità ha indossato per coprire il risultato indiretto delle cure.

Mantenere la femminilità ed avere la migliore dignità possibile, deve essere per tutte le donne malate di cancro, a prescindere dalle possibilità economiche.

Riposa in pace

LORELLA

Si ringrazia Nancy Di Domenico per la donazione della treccia.